Rimarrò incinta? Chiedilo ai tarocchi

I tarocchi e la gravidanza

Molte donne, arrivate ad una certa età, hanno il desiderio di diventare madri, ma purtroppo non sempre la vita consente di coronare questo sogno. Infatti, una delle domande più ricorrenti nei consulti è “rimarrò incinta“? Oggi è possibile ottenere delle risposte grazie ai tarocchi.

Ma quali sono le carte dei tarocchi che indicano una gravidanza? Sicuramente l’Imperatrice, la Papessa e la Luna. Ovviamente, non basta che esca fuori una di queste carte, ma è importante che esse vengano associate ad altre che ne rafforzino tale significato.

Una difficoltà che può essere riscontrata è l’interpretazione corretta dei significati delle carte tenendo conto dei vari abbinamenti degli Arcani, in quanto ogni Arcano ha un suo significato specifico e determinate peculiarità che però possono mutare durante una lettura poiché influenzate dal significato della carte che lo precedono o che lo seguono.

Può succedere che possa apparire soltanto l’Imperatrice che, abbinata al Bagatto o al Sole, conferma la nascita di un figlio. Altre volte invece tale conferma viene data dalla Papessa, dalle Stelle, dalla Luna, e dal Mondo. Una gravidanza può essere segnalata inoltre dall’asso di bastoni al diritto: infatti questa carta può significare la futura nascita di un figlio e celebra di conseguenza un periodo positivo, molto creativo, che può seguire un periodo oscuro, di energia privata e negata.

Se dovessero comparire tali conferme è possibile richiedere un’ulteriore conferma con la stesura apposita a 3 carte. Quando le carte rivelano una gravidanza è possibile conoscere anche il sesso del nascituro? La riposta è si. Solitamente se compare la carta del Sole vuol dire che sarà un maschio, mentre se dovessero esserci le stelle, allora significa che nascerà una femminuccia. Nel caso in cui, dopo che venga confermata una gravidanza compaiano delle carte negative circondate da altre carte negative, come ad esempio il diavolo, l’appeso, la torre, ciò potrebbe significare la perdita del bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *